Luis Bunuel: 5 curiosità sulla sua vita

luis bunuel
Luis Bunuel ha stravolto la nostra percezione della realtà e ha definito gli standard del cinema d’avanguardia. Cinque curiosità sulla sua vita e la sua carriera.

1. Ha imparato il mestiere da Jean Epstein

jean epstein

Bunuel fu l’assistente di Epstein durante le riprese dell’adattamento del racconto di Edgar Allan Poe La caduta della casa Usher (1928). Guardando la capacità di Epstein di collegare cinema e impressionismo, ha avuto la possibilità di definire il proprio percorso surrealista e irrazionale.

2. Un Chien Andalou fu scritto con Salvador Dalì

Dalì e Bunuel si incontrarono all’Università di Madrid, per poi diventare stretti collaboratori. Per il suo debutto nel 1929, Bunuel girò un corto di 16 minuti composto di scene scollegate fra di loro, che lasciò gli spettatori attoniti. Seguendo il principio che “non sarebbe stata accettata alcuna foto o immagine che avrebbe potuto portare a una spiegazione razionale”, i due introdussero ufficialmente il surrealismo nell’arte cinematografica.

3. Ci vollero vent’anni per girare Cime tempestose (1954)

Ci vollero vent’anni per completare il film, a causa principalmente di difficoltà finanziarie. Così racconta Bunuel stesso:

A dire il vero non ero più interessato a fare film, e non ho provato alcuna innovazione. Rimane comunque il film che avevo concepito nel 1930, un film vecchio di 24 anni che rimane però fedele allo spirito di Emily Bronte. È un film molto duro, senza concessioni, e rispetta l’atteggiamento del romanzo verso l’amore.

4. L’Age d’Or venne censurato

Il primo film di Bunuel arrivò nel 1930 e disturbò parecchio gli spettatori. Una critica alla fede cattolica lunga cinque capitoli, il film mise in discussione tutte le forme convenzionali della vita sociale. Vietato in Francia e ritirato dalla distribuzione, tornò a circolare solo nel 1979.

5. Non gioì del proprio successo

Vinse l’Oscar per il miglior film straniero per tre volte, ma il regista detestava gli applausi ricevuti alla premiazione. Ad ogni premio commentò:

Nulla mi disgusta moralmente più di vincere un Oscar.

Leggi anche

I 10 film preferiti di Luis Bunuel

Seguiteci anche sulla nostra pagina Facebook e su Twitter per conoscere le migliori news e curiosità sul Cinema, sulle serie Tv, sul Teatro e altro ancora.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here